Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Visualizzazione 3 post con etichetta saga familiare. Mostra tutti i post.

Recensione "La famiglia Karnowski", Israel J. Singer

28/09/2015 21:40  0 commenti  Alessandro

Romanzo di Israel J. Singer (fratello del premio nobel Isaac Bashevis Singer) pubblicato nel 1943 (ma in Italia la prima edizione è solo del 2013), La famiglia Karnowski è la storia di tre generazioni di una famiglia di ebrei polacchi emigrati in Germania (e successivamente negli Stati Uniti) tra la fine del diciannovesimo secolo e l’inizio della seconda guerra mondiale.

Recensione "La casa degli spiriti", Isabel Allende

05/04/2015 22:00  0 commenti  Alessandro

Ho finito di leggere La casa degli spiriti questa notte verso l’una, dopo oltre quattro ore e mezza di lettura quasi senza interruzioni. Ecco, a me i libri belli fanno questo effetto (con la complicità del fatto che oggi non lavoro :D)

Davanti alla schermata vuota di Notepad++ però mi sto rendendo conto di quanto sia difficile da recensire e visti gli appunti che mi sono segnato non me lo aspettavo. Tantissime cose mi stanno girando per la testa e sto cercando di riordinarle in un discorso coerente.

Recensione "I Buddenbrook", Thomas Mann

22/03/2015 23:00  0 commenti  Alessandro

Avevo questo libro nella mia libreria già da un paio di mesi ma prima di iniziarlo ho voluto aspettare la partenza di un gruppo di lettura su Goodreads, così da leggerlo in compagnia. Purtroppo mi sono lasciato prendere la mano e ho leggermente bruciato le tappe!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.