Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Visualizzazione 3 post con etichetta letteratura russa. Mostra tutti i post.

Recensione "Noi", Evgenij Zamjatin

18/05/2015 23:20  0 commenti  Alessandro

1984 di George Orwell e Il mondo nuovo di Aldous Huxley sono due dei miei libri preferiti e non penso di esagerare quando dico che si tratta di due capolavori imprescindibili della letteratura del novecento, decisamente avveniristici per il periodo in cui sono stati scritti e inquietantemente attuali per i giorni nostri.

Recensione "Invito a una decapitazione", Vladimir Nabokov

08/03/2015 22:00  0 commenti  Alessandro

Il libro racconta gli ultimi giorni di Cincinnatus C., condannato a morte per un crimine atroce: essere opaco in una società di trasparenti. Opaco nel senso che le persone che lo circondano non riescono a coglierne pensieri ed emozioni, creando in loro un certo senso di disagio. L’opacità della propria anima si trasforma quindi in una colpa terribile, da estirpare a tutti i costi. Ed è per questo che Cincinnatus dovrà essere decapitato: non per quello che fa, ma per quello che è.

Recensione "A casa del diavolo", Evgenij Zamjatin

02/02/2015 23:15  0 commenti  Alessandro

A casa del diavolo è un romanzo breve di Evgenij Zamjatin (Евгений Замятин), autore russo che ho conosciuto per caso grazie a Noi, romanzo distopico padre di 1984 e Il mondo nuovo.

La vicenda è ambientata in una guarnigione russa di stanza all’estremo confine orientale del paese, sulle rive dell’oceano Pacifico. Un posto lontano da tutto ma soprattutto dimenticato da tutti. A casa del diavolo, appunto, dove noia e malinconia sono la quotidianità.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.