Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Visualizzazione 8 post con etichetta letteratura inglese. Mostra tutti i post.

Recensione "Frankenstein", Mary Wollstonecraft Shelley

17/05/2016 22:50  0 commenti  Alessandro

Nato dalla mente di una giovanissima Mary Shelley, Frankenstein è senza ombra di dubbio uno dei più grandi romanzi della letteratura gotica (e non solo). Difficile quindi recensire un libro su cui sono stati scritti fiumi d’inchiostro e che ha avuto un impatto così grande nell’immaginario collettivo: che altro potrò mai aggiungere a quanto già detto? Ci ho riflettuto un po’ ma alla fine ho deciso di scrivere comunque qualche riga, d’altronde questo blog è nato proprio per questo, no?

Recensione "La donna in bianco", Wilkie Collins

04/04/2016 22:30  0 commenti  Alessandro

Scritto nel 1859 e pubblicato a puntate sulla rivista All the Year Round (di proprietà dell’amico Charles Dickens) a partire dal novembre di quell’anno, La donna in bianco fu un vero e proprio caso editoriale: a ogni nuova uscita le edicole venivano prese d’assalto e nei salotti di mezza Inghilterra non si parlava d’altro di quella che fu a tutti gli effetti una vera e propria mania che portò alla nascita di un mercato parallelo di gadget (profumi, vestiti, ecc.) dedicati alla misteriosa figura che dà il via a questa storia.

Recensione "Ragione e sentimento", Jane Austen

07/01/2016 22:00  0 commenti  Alessandro

Classico senza tempo, è la storia delle vicende sentimentali di due sorelle, Elinor e Marianne Dashwood.

Fin qua niente di speciale ma ovviamente il romanzo ha più livelli di lettura e quello romantico è solo il più frivolo e superficiale: è lo stile di Jane Austen a trasformare una storia banale in qualcosa di più.

Recensione "Flatlandia: Racconto fantastico a più dimensioni", Edwin A. Abbott

26/12/2015 11:20  0 commenti  Alessandro

Flatlandia è un romanzo satirico/distopico sull’Inghilterra vittoriana e le sue convenzioni sociali ma nonostante sia stato scritto oltre un secolo fa, molte delle sue allegorie sono ancor oggi attuali. Oltre a questo è anche un interessantissimo trattato di filosofia della scienza, argomento non banale ma perfettamente inserito nel contesto di questo romanzo.

Recensione "Nel paese dei ciechi", H.G. Wells

12/12/2015 12:20  0 commenti  Alessandro

Beati monoculi in terra caecorum

Opera tra le più note di H.G. Wells (anche se sinceramente non lo avevo mai sentito nominare fino a cinque minuti prima di comprarlo), Nel paese dei ciechi si è subito guadagnato un posto tra i miei racconti preferiti. Si legge in un paio d’ore ma per quanto riguarda i contenuti se ne potrebbe parlare per giorni!

Recensione "Il signore delle mosche", William Golding

22/02/2015 10:40  0 commenti  Alessandro

L’uomo produce il male come le api producono il miele. (William Golding)

Notavo che molti considerano questo libro una specie di trattato di psicologia più che un semplice romanzo. Dopo averlo letto (ancora l’estate scorsa) posso dire che non hanno tutti i torti.

Recensione "Emma", Jane Austen

31/01/2015 14:00  0 commenti  Alessandro

Inizialmente non avevo una buona opinione del romanzo, mi pareva un po’ banalotto e distante dalle mie solite letture. Per di più Emma è irritante, suo padre pure e l’ipocrisia dell’ambiente mi dava i nervi!

La Austen stessa, iniziando la stesura del libro, disse “Sto per descrivere un’eroina che non potrà piacere a nessuno, fuorché a me stessa!”. Insomma, già dall’incipit, in cui in Emma viene descritta come la perfezione in persona, capiamo il tono del romanzo!

Recensione "I viaggi di Gulliver", Jonathan Swift

06/12/2014 13:00  0 commenti  Alessandro

Considerato spesso (erroneamente) un libro per bambini, I viaggi di Gulliver in realtà è molto di più.

Il libro riprende, parodiando, i romanzi di viaggi avventurosi che andavano di moda in quel periodo ma si tratta solo di un pretesto per intavolare una feroce critica alla società del tempo (il libro fu pubblicato nel 1726, inizialmente anonimo).

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.