Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Visualizzazione 4 post con etichetta hannah arendt. Mostra tutti i post.

Il mio 2016 tra i libri

31/12/2016 12:00  0 commenti  Alessandro

Anche il 2016 ormai è agli sgoccioli, è giunto quindi il momento di fare il punto di quelli che sono stati questi ultimi dodici mesi!

Un mese di libri - Giugno 2016

30/06/2016 23:55  0 commenti  Alessandro

Eccoci alla fine del mese, pronti a fare il punto di queste ultime settimane: nuovi acquisti, nuove letture, nuove recensioni! Tra lavoro e altri impegni il tempo è sempre quello che è, per fortuna che ci sono sempre le ore notturne per leggere! :D

Pensieri sparsi:

  • Credo che questo sia stato il giugno più strano della storia dell’umanità: un giorno è estate, quello dopo è autunno, poi estate, poi autunno, ecc. Nel dubbio, leggo :D
  • Elisa, la mia ragazza, ha iniziato a collaborare più attivamente col blog e, oltre a continuare correggere gli orrori che scrivo (anche se qualcosa sfugge pure a lei…), di tanto in tanto preparerà anche qualche recensione! In bocca al lupo! ;-) ps: L’autore è visibile all’inizio dell’articolo, a destra del simbolo

Detto questo, buona lettura con la nuova puntata de Un mese di libri!

Recensione "La banalità del male: Eichmann a Gerusalemme", Hannah Arendt

29/06/2016 22:40  0 commenti  Alessandro

Mese dopo mese vedo che la saggistica si sta guadagnando sempre più spazio tra le mie letture!

L’ultima, cronologicamente parlando, è stata La banalità del male della giornalista Hannah Arendt, resoconto, originariamente pubblicato tra le colonne del The New Yorker, del processo ad Adolf Eichmann, gerarca nazista fuggito in Argentina dopo la fine della seconda guerra mondiale e scampato quindi al processo di Norimberga.

Un mese di libri - Maggio 2016

30/05/2016 23:55  0 commenti  Alessandro

Su maggio non c’è molto da dire: pochi acquisti, poche letture e poche recensioni. Il tempo per leggere lo avrei anche ma con la bella stagione che avanza sto iniziando a correre/andare in bicicletta e ancora non riesco a fare entrambe le attività contemporaneamente (ma ci sto lavorando!)

Alcuni pensieri sparsi:

  • Joyce mi sta uccidendo, la scrittura di Saramago a confronto è semplice e lineare (e ne sento la mancanza)
  • Sto leggendo il mio primo libro in inglese e penso di aver battuto il mio record di resistenza non abbandonandolo dopo dieci pagine (non l’ho ancora terminato ma sono circa a metà: mi sta piacendo ma, soprattutto, sto capendo!)
  • Sono riuscito a mettere piede in libreria senza comprare nulla. In realtà un libro l’ho comprato… ma era un regalo per un amico! L’illusione che fosse per me è durata quel tanto che basta da farmi uscire dalla libreria senza il bisogno di dover comprare qualcosa anche per me (Roth, Murakami, tornerò a prendervi!)

Detto questo, buona lettura con la nuova puntata de Un mese di libri!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.