Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Visualizzazione 5 post con etichetta einaudi. Mostra tutti i post.

Recensione "La nausea", Jean-Paul Sartre

24/09/2016 10:55  0 commenti  Alessandro

La misantropia non è altro che una dissonanza necessaria all’armonia dell’insieme.

Diario filosofico più che un vero e proprio romanzo, La nausea è stata una lettura un po’ pesante e faticosa, difficile da seguire a causa della difficoltà di delineare una vera e propria trama (da qui il tempo impiegato per leggerlo) ma, a livello di sensazioni e riflessioni, davvero molto interessante.

Recensione "Collasso. Come le società scelgono di morire o vivere", Jared Diamond

15/11/2015 23:50  0 commenti  Alessandro

Di questo stesso autore ho letto Armi, acciaio e malattie pochi mesi fa e Collasso lo si può considerare una sorta di integrazione e completamento.

Così, dopo aver studiato come e perché popoli di continenti diversi hanno avuto tassi di sviluppo tanto differenti, il nuovo obiettivo di Diamond è capire cosa porta società (anche prospere) al collasso.

Recensione "Il giovane Holden", J.D. Salinger

29/03/2015 11:30  0 commenti  Alessandro

Ho finito di leggere Il giovane Holden da qualche giorno e sto facendo fatica a farmi un’idea precisa su questo libro. Per dire, non so ancora se mi sia piaciuto o meno. O meglio, la lettura è stata senz’altro piacevole ma arrivato alla fine mi ha lasciato un po’ così…

Recensione "Armi, acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni", Jared Diamond

01/03/2015 22:00  0 commenti  Alessandro

Perché la ricchezza e il potere sono distribuiti in questo modo? Perché, a esempio, gli aborigeni australiani non si sono messi a un certo punto a massacrare e conquistare gli europei o i giapponesi?

Recensione "Cristo si è fermato a Eboli", Carlo Levi

13/01/2015 23:00  0 commenti  Alessandro

Eboli è una cittadina campana dove, una volta abbandonata la costa, terminano la strada e la ferrovia. Oltre, i desolati paesaggi lucani, il nulla, la fine della civiltà.

Entrare nella Lucania di Cristo si è fermato a Eboli è come fare un salto indietro nel tempo verso un mondo fatto di misticismo e di magia, dove la vita è rigorosamente scandita dai ritmi della natura e influenzata dall’ignoranza e dalla superstizione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.