Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Libri sotto l'albero (edizione 2016)

29/12/2016 14:20  0 commenti  Alessandro

Nell’estate del 2014 feci la GiuntiCard: un punto ogni 3€ spesi in libreria e uno sconto al raggiungimento di una quantità minima di punti, sconto via via più consistente al crescere dei punti accumulati. Per me, che in quel periodo stavo ricominciando a comprare libri cartacei, era un aspetto da non sottovalutare.

Lo sconto più conveniente richiede il raggiungimento di almeno cento punti, obiettivo raggiunto nel settembre di quest’anno! Non avendo urgenza di nuovi libri, io ed Elisa abbiamo aspettato l’avvicinarsi delle feste, così da mettere sotto l’albero qualcosa in più!

Tra i desiderata c’erano L’incubo di Hill House di Shirley Jackson, Dieci piccoli indiani di Agatha Christie e, soprattutto, La fabbrica del consenso di Noam Chomsky ed Edward S. Herman. Da questo punto di vista la spedizione in libreria è stato un fallimento: La fabbrica del consenso sembrerebbe fuori commercio e il libro della Jackson non era disponibile in negozio mentre Dieci piccoli indiani, per quanto sia un capolavoro (io l’ho già letto e adorato ma lo vorrebbe leggere anche Elisa), all’ultimo minuto ci è sembrato un po’ uno spreco di punti.

Ci siamo messi allora a cercare degli altri libri, con l’obiettivo di prenderne il più possibile (chi ha detto che Tetris non sarebbe servito mai a nulla?) Dopo un’ora siamo usciti dalla libreria con questi, pagando solo l’euro e mezzo che ha sforato i 36 dello sconto!

Libri sotto l'albero

La peste (Albert Camus), L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello (Oliver Sacks), Pet Sematary (Stephen King) e La pietra di Luna (Wilkie Collins), quattro libri molto diversi tra loro che io ed Elisa ci siamo equamente spartiti: i primi due a me, gli altri a lei. Ovviamente ce li scambieremo!

Il cd dei Pink Floyd che sovrasta la pila di libri è un mio piccolo capriccio (la scusa è “dai che è quasi Natale…”) Si tratta di Ummagumma, doppio cd (uno live e uno in studio) che ancora mancava alla mia collezione: a 9.90€ non potevo non prenderlo (per la cronaca, io cercavo Animals…)

Ora la GiuntiCard è un po’ vuota… E passerà un bel po’ di tempo prima che torni ad accumulare altri punti!



Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.

comments powered by Disqus