Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Un mese di libri - Maggio 2016

30/05/2016 23:55  0 commenti  Alessandro

Su maggio non c’è molto da dire: pochi acquisti, poche letture e poche recensioni. Il tempo per leggere lo avrei anche ma con la bella stagione che avanza sto iniziando a correre/andare in bicicletta e ancora non riesco a fare entrambe le attività contemporaneamente (ma ci sto lavorando!)

Alcuni pensieri sparsi:

  • Joyce mi sta uccidendo, la scrittura di Saramago a confronto è semplice e lineare (e ne sento la mancanza)
  • Sto leggendo il mio primo libro in inglese e penso di aver battuto il mio record di resistenza non abbandonandolo dopo dieci pagine (non l’ho ancora terminato ma sono circa a metà: mi sta piacendo ma, soprattutto, sto capendo!)
  • Sono riuscito a mettere piede in libreria senza comprare nulla. In realtà un libro l’ho comprato… ma era un regalo per un amico! L’illusione che fosse per me è durata quel tanto che basta da farmi uscire dalla libreria senza il bisogno di dover comprare qualcosa anche per me (Roth, Murakami, tornerò a prendervi!)

Detto questo, buona lettura con la nuova puntata de Un mese di libri!

Felici i felici, Yasmina Reza (2013)

L’ho recensito proprio pochi giorni fa, davvero bello. Dategli una letta perché merita molto! Vai alla recensione completa →

La banalità del male: Eichmann a Gerusalemme, Hannah Arendt (1963)

La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme, Hannah Arendt

Si tratta del resoconto, per conto del The New Yorker, del processo ad Adolf Eichmann, gerarca nazista fuggito in Argentina dopo la guerra e scampato quindi al processo di Norimberga. Assistendo al processo, tenuto in Israele nel 1961, e osservando le risposte dell’imputato, la giornalista Hannah Arend si interroga sulla genesi del male e sulla sua “banalità” intesa come la semplicità con cui le persone accettano il male passivamente, come se fosse la normalità. È un tema interessante (e inquietante…) che vorrei approfondire.

The Yellow Wall-Paper, Charlotte Perkins Gilman (1892-1911)

The Yellow Wall-Paper, Charlotte Perkins Gilman

Questo ebook Kindle è una selezione di tre racconti scritti dalla scrittrice femminista Charlotte Perkins Gilman tra il 1892 e il 1911.

Per ora ho letto solo il primo, The Yellow Wall-Paper e mi è piaciuto davvero tanto! Averlo letto in lingua originale inoltre mi ha dato qualche soddisfazione in più :)

L’amante di Lady Chatterley, D.H. Lawrence (1928)

Mi è abbastanza piaciuto anche se l’ho trovato un po’ pesante e sono arrivato in fondo un po’ a fatica. Il romanzo alterna episodi della relazione adultera tra Lady Chatterley e il suo guardiacaccia (abbastanza espliciti, soprattutto per quei tempi), momenti di riflessione filosofica sul ruolo del sesso nella società e dibattiti sull’era industriale che avanza ma l’impostazione generale mi è sembrata un po’ lentina e poco appassionante…

Frankenstein, Mary Wollstonecraft Shelley (1818)

Non fate il mio stesso errore, leggetelo il prima possibile! Vai alla recensione completa →

111 errori di traduzione che hanno cambiato il mondo, Romolo Giovanni Capuano (2013)

Come anticipato il mese scorso, questo libro non mi ha particolarmente entusiasmato. Peccato però, l’argomento sarebbe anche molto affascinante… Vai alla recensione completa →

Ulisse, James Joyce (1922)

No comment!



Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.

comments powered by Disqus