Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Recensione "La leggenda di Sleepy Hollow", Washington Irving

04/01/2016 13:30  0 commenti  Alessandro

La storia di Sleepy Hollow probabilmente è più nota al grande pubblico per il film di Tim Burton con Johnny Depp che per l’originale racconto di Washington Irving. Non che questo sia un problema, sia chiaro, ci sono un sacco di opere di cui il pubblico spesso ignora l’origine letteraria (mi vengono in mente le avventure di Arsène Lupin, uscite dalla penna di Maurice Leblanc oltre un secolo fa) ma in questo caso la situazione è un po’ sfuggita di mano.

Il film ha contribuito in maniera impressionante a ingigantire il mito di Sleepy Hollow nell’immaginario comune: la Sleepy Hollow cinematografica e quella letteraria sono infatti così diverse (sia come significato che come contenuto) che chi si approccia al racconto incuriosito dal film lo fa con tali aspettative da rimanerne spesso tremendamente deluso.

Questo perché il racconto non è una storia horror e non presenta né l’azione né la tensione presenti invece nella controparte cinematografica. Per la maggior parte del racconto non succede assolutamente nulla.

La maggior parte delle pagine sono infatti occupate da lunghe e particolareggiate descrizioni: il cinguettio degli uccellini, lo scrosciare del ruscello… è come se l’autore passasse con una lente d’ingrandimento sulla valle soffermandosi di tanto in tanto su qualche particolare che ha attirato la sua attenzione. Si tratta di pagine davvero meravigliose e chiudendo gli occhi sembra realmente di trovarsi a passeggiare nella tranquilla Sleepy Hollow.

L’immagine di Sleepy Hollow però è legata non tanto ai suggestivi paesaggi quanto più alla figura di un misterioso cavaliere senza testa che la notte terrorizza la valle in sella al suo nero destriero. La sua apparizione però si fa attendere ed è solo nelle ultimissime pagine che finalmente il cavaliere fa la sua fugace e misteriosa comparsa.

Chi si aspetta teste che rotolano e i massacri del film però resterà deluso e dovrà accontentarsi di veder rotolare una misera zucca. L’intento di Irving infatti non è di spaventare il lettore (perché non c’è nulla di spaventoso in questo racconto) ma di mostrare come la superstizione e l’ignoranza alimentino esse stesse la paura, creando mostri dove non esistono e trascurando per questo pericoli più reali.

La spiegazione razionale esiste ed è chiara al lettore ma sono tempi di superstizione e magia e per gli abitanti di Sleepy Hollow è più semplice pensare a una presenza soprannaturale, lasciando così via libera a chi con questo inganno riuscirà ad arricchirsi.

Bello, mi è piaciuto veramente molto. Andrò controcorrente ma a me è piaciuto anche più del film. Il racconto ha uno sviluppo e un significato ben precisi che vengono completamente stravolti dal grande schermo: là dove Irving spezzava una lancia a favore di un approccio più razionale a fatti apparentemente inspiegabili Tim Burton preferisce dare al paranormale una consistenza che stride con l’opera originale.

È una lettura altamente consigliata a patto di tenere bene a mente che non ha nulla a che vedere con la versione cinematografica. Buona lettura!



Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.

comments powered by Disqus