Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Recensione "Collasso. Come le società scelgono di morire o vivere", Jared Diamond

15/11/2015 23:50  0 commenti  Alessandro

Di questo stesso autore ho letto Armi, acciaio e malattie pochi mesi fa e Collasso lo si può considerare una sorta di integrazione e completamento.

Così, dopo aver studiato come e perché popoli di continenti diversi hanno avuto tassi di sviluppo tanto differenti, il nuovo obiettivo di Diamond è capire cosa porta società (anche prospere) al collasso.

Come mi aspettavo è stata una lettura davvero interessante e Diamond si conferma un ottimo divulgatore. I temi trattati non sono proprio allegri, si sta pur sempre parlando dello sfacelo di decine di società (più e meno recenti), ma l’autore ne parla con professionalità e realismo (e un briciolo di amarezza), senza gettarsi sul facile catastrofismo da due soldi (quello lasciamolo a Giacobbo e alle sue teorie sulla fine del mondo) e senza perdere mai di vista il suo obiettivo: isolare e comprendere le motivazioni dietro al collasso di una società per evitare che quello diventi anche il nostro futuro.

All’analisi delle società del passato (Maya, isola di Pasqua, coloni vichinghi in Groelandia, ecc.) è dedicata buona parte del libro ed è anche la parte più ricca e interessante. Non sempre sono a disposizione fonti scritte e qui brilla l’accurato (e mastodontico) lavoro di incrocio di dati e conoscenze già acquisite tramite altre ricerche (molto ricca la bibliografia). A questo seguono alcuni capitoli relativi a esempi più moderni ma non per questo più noti al grande pubblico (Haiti, Ruanda, l’occidentalizzazione della Cina).

Alla luce di quanto emerge in queste pagine viene naturale chiedersi che ne sarà di noi nei prossimi decenni: sovrappopolazione, esaurimento delle risorse naturali, cambiamenti climatici… il futuro non sembra poi così roseo ed è davvero inquietante rendersi conto di quanto sia fragile l’equilibrio che ci separa dallo sfacelo.

Dopo aver letto questo libro sarà difficile guardare il mondo allo stesso modo (beh, sempre che non si viva col prosciutto sugli occhi) e una certa preoccupazione verso quello che sarà il nostro futuro è la reazione più naturale a questo saggio, così come l’improvvisa voglia di cambiare pianeta al più presto. Purtroppo questo ancora non è possibile :D

Come dicevo sopra però Diamond non è un catastrofista e non crede che l’umanità sia sull’orlo del collasso, non ancora per lo meno. Noi, popolo del ventunesimo secolo, abbiamo infatti un grosso vantaggio rispetto a quelle popolazioni che oggi non ci sono più: possediamo consapevolezza del nostro passato. Questo in teoria… a me pare invece che a molti certe cose entrino da un orecchio ed escano dall’altro dopo aver attraversato il nulla cosmico.

«[…] Abbiamo dunque l’opportunità di imparare dagli errori commessi da popoli distanti da noi nel tempo e nello spazio. Nessun’altra società ha mai avuto questo privilegio. Ho scritto questo libro nella speranza che un numero sufficiente di noi scelga di approfittarne

Poche storie, Collasso di Jared Diamond è un libro che dovrebbero leggere tutti.



Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.

comments powered by Disqus