Di questo libro e degli altri Alessandro Cocco

Bilancio di fine 2014

30/12/2014 23:40  0 commenti  Alessandro

L’anno sta per terminare, è giunto il momento di tirare le somme!

Per quanto riguarda gli obiettivi libreschi che mi ero posto il 2014 è stato un ottimo anno, sia quantitativamente che -soprattutto- qualitativamente.

L’obiettivo quantitativo era di leggere almeno 40 libri, obiettivo ampiamente raggiunto (ad oggi sono a 48). Ma il numero di libri letti è un parametro abbastanza insulso di per sé: personalmente leggo per il piacere leggere e perché i libri mi danno qualcosa, non per fare +1 su Goodreads. Detto questo, anche alla luce di quello che era stato il mio 2013, mi sono messo in testa di leggere qualche classico in più e qualche minchiata in meno!

Classici e saggi

In ottica di “classicizzazione” ho letto quindi il Don Chisciotte (Cervantes), Tempi difficili e Canto di Natale (Dickens), Il conte di Montecristo (Dumas), Madame Bovary (Flaubert), I viaggi di Gulliver (Swift), tutto Sherlock Holmes (Conan Doyle), tutto Arsène Lupin (Leblanc), Il Principe e il Povero (Twain) e altri che non sto qui a elencare. È stato come fare un viaggio indietro nel tempo, sono state letture molto interessanti. D’altronde se si leggono ancora oggi, dopo 100/200/300 anni, tanto schifo non fanno…

Oltre ai classici ho voluto provare con la saggistica: ecco quindi Allucinazioni (Sacks) e Breve storia di (quasi) tutto (Bryson). Sicuramente ripeterò l’esperimento nel corso del 2015 (intanto ho già puntato un paio di titoli!)

Saramago-mania e classici moderni

Nel 2013 avevo letto e adorato Cecità di José Saramago ma non avevo mai pensato di approfondire questo scrittore dato che l’altro suo libro che avevo letto, La caverna, non mi era piaciuto molto. Un giorno però sul blog La Stamberga Dei Lettori lessi un articolo su Le intermittenze della morte, ne rimasi colpito e in pochi giorni me lo procurai (non senza difficoltà). Il resto è storia! Attualmente sto leggendo Saggio sulla lucidità (che sto trovando meraviglioso già dalle prime pagine) e sul comodino un’altra mezza dozzina di suoi libri (e in wishlist un’altra mezza dozzina ancora!) That’s amore.

Oltre a Saramago ho (ri)scoperto Dino Buzzati di cui ho letto Il deserto dei Tartari e La boutique del mistero: meravigliosi, li consiglio entrambi.

Tra i classici moderni letti e adorati non posso non citare Niente di nuovo sul fronte occidentale (Remarque), Cristo si è fermato a Eboli (Levi) e Fontamara (Silone). Nelle prossime settimane dovrei riuscire a recensire anche questi ultimi due.

Delusioni

Libri letti tanti ma delusioni per fortuna poche. Sarà che coi classici andavo sul sicuro ma libri veramente brutti quest’anno non ne ho letti.

La delusione più grande probabilmente l’ho avuta con Dune di Frank Herbert. Da quel che avevo letto in giro mi ero fatto una grande idea di questa saga e complice qualche offerta sul Kindle Store comprai i primi due volumi. Non prenderò il terzo :/ Di buona parte del romanzo ricordo solo un’infinita sequenza di sbadigli. Si vede che non è il mio genere (preferisco più una fantascienza alla Dick).

L'altra delusione è stata Il signore delle mosche di William Golding. Il libro mi è piaciuto molto e l'ho letto tutto d'un fiato ma non lo so, ho come l'impressione che gli manchi qualcosa…

(Aggiornamento 22/02/2015) Ho avuto modo di ragionarci sopra e direi che Il signore delle mosche non è più considerabile una delusione :D

Propositi per l’anno nuovo

Sicuramente leggere qualcosa in lingua originale. Mesi fa avevo iniziato a leggere qualche classico (Dickens, Defoe) ma probabilmente l’inglese del diciannovesimo secolo non è proprio adatto per le prime letture in lingua. Quest’anno voglio riprovarci con qualche autore più moderno (accetto suggerimenti!).

Altra cosa che vorrei riuscire a fare durante il 2015 è leggere Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust. A gennaio conto di iniziarlo e mi impegnerà per buona parte dell’anno. Certo che a vederlo in libreria incute timore!

Ah, ovviamente continuerò allegramente a sproloquiare su questo sito :D



Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge num. 62 del 7.03.2001.

I testi citati e le immagini pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. La loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

Di questo libro e degli altri è un blog e, come tale, i contenuti devono intendersi unicamente come opinioni personali.

comments powered by Disqus